At home with snuggs x Vickie Biggs

A casa con Snuggs x Vickie Biggs


Ti presentiamo "At Home with Snuggs", una serie incentrata sulle persone che condividono le loro esperienze mestruali genuine e autentiche.

Incontra la guaritrice intuitiva Vickie Biggs mentre ci parla del potere dell'automassaggio, della guarigione di se stessa mentre guarisce gli altri e di come smettere di prendere la pillola ha cambiato il suo rapporto con le mestruazioni. Vickie è la storia sulla cura del ciclo di questo mese. Benvenuto a casa.


Q1- In qualità di guaritore intuitivo, come integri pratiche come reiki, aromaterapia e massaggi per supportarti durante il ciclo mestruale?

Faccio Reiki su me stesso ogni giorno, ma quando ho dolori o crampi molto forti cerco di concentrarmi sui miei bisogni. Vorrei che tutti potessero fare Reiki. È il miglior strumento di autoguarigione che funziona per me.

Sarò solo molto gentile, mi assicuro di mangiare le cose giuste in determinati momenti del mio ciclo, usando oli diversi, come l'olio di rose, tutti mi chiedono qual è il mio olio preferito e io consiglio sempre, Rose . Ho questi strumenti a mia disposizione e li prendo sempre quando ne ho bisogno, ma la cosa migliore che faccio è semplicemente lasciarmi riposare.
Mi sento così fortunato di essere nella posizione in cui posso effettivamente farlo, perché così tante persone non lo fanno. Sia che svolgano lavori che li richiedono molto, o che sia disapprovato prendersi un giorno di riposo. Penso che il riposo, il riposo sia la chiave per tutto. E il riposo sembra diverso per tutti.

Q2- Nel tuo approccio olistico, come affronti gli aspetti fisici ed emotivi delle mestruazioni?

È sicuramente un equilibrio e richiede un vero sforzo. Reiki non è solo per i crampi; è come un supereroe sia per il mio benessere fisico che emotivo.
Se mi sento sopraffatto, stanco o un po' giù, una sessione di auto-Reiki è incredibilmente riequilibrante. Gli dedico circa 10-15 minuti, mirando ad aree specifiche, a volte durante un bagno rilassante o in meditazione.

Una delle cose non dette ma migliori dell'essere un praticante Reiki è che ricevi reiki anche quando lo dai alle persone. Quindi, quando faccio i trattamenti, ricevo anche tutti i benefici del Reiki. Mi sento così fortunato di poterlo avere a mia disposizione per farlo.

Q3- Essendo una persona profondamente connessa alle pratiche olistiche, quale consiglio daresti ad altri che cercano un'esperienza mestruale più consapevole e confortevole?

Iniziare è la cosa più difficile. Ci vuole così tanto coraggio perché le persone mettano se stesse al primo posto. La quantità di persone che ritardano la cura di se stesse perché hanno altre cose che hanno la priorità; Lavoro, amici, figli, vita domestica, famiglia, la lista non finisce mai... quindi dove ti collochi?
Penso che ci sia la paura, beh, cosa succederebbe se facessi tutto questo sforzo e non funzionasse? E allora?
Ho scoperto che quando sono meno stressato e mi sento più connesso al mio corpo e alla mia mente, è allora che le mie azioni, i miei pensieri, tutto - è molto più semplice e gestibile. Non sembra così difficile. Puoi razionalizzarlo.

Q4- Nel tuo lavoro incontri clienti con esperienze mestruali diverse. In che modo pensi che le conversazioni aperte sul ciclo contribuiscano a creare una comunità più solidale e comprensiva?

Tutto il mio viaggio è stato imparare a tornare nel mio corpo, sai, ma a volte non sono completamente in sintonia con me stesso. A volte è una vera lotta. Abbiamo tutti una vita impegnata, quindi a volte non è così semplice come fare una scelta, e la verità è che non sono sempre completamente in sintonia con me stessa ogni mese, mentirei se dicessi che è così.

Essere aperti riguardo alla tua esperienza mestruale consente connessioni più profonde e reali. Sentirmi a mio agio nel dire "sai cosa non mi sento bene, sto sanguinando, ho i crampi". Possiamo farlo un altro giorno?' È spaventoso. Ma necessario.

Q5- Quando sei maggiormente connesso con il tuo corpo?

Probabilmente mentre faccio yoga. Lo yoga è stato una parte importante di me per riconnettermi con il mio corpo. Sono diventato sobrio sei anni e mezzo fa, ma prima ero completamente disconnesso dal mio corpo. Dicevo che avevo le spalle alzate. Non riuscivo nemmeno a sentire le dita dei piedi! Da allora è stato un enorme viaggio di guarigione per imparare a riconnettermi a me stesso e al mio corpo.

Direi anche che l'automassaggio è stato un enorme strumento di riconnessione. Quando lo faccio mi prendo davvero il tempo per sentire ogni parte del mio corpo, mi sento davvero incarnato e veramente presente.

Q6- In che modo sei gentile con te stesso, con gli altri e con il pianeta?

Voglio dire, ormai tutta la mia vita è stata imperniata sulla gentilezza. Dall'essere qualcuno che letteralmente non voleva più essere qui, mi trattavo nei modi più scortesi.
Ora il mio intero viaggio di guarigione consiste nell'imparare ad amare me stesso in un modo che prima non avevo mai fatto.
E ora la mia vita è così morbida rispetto a come era una volta, mi picchiavo davvero per molte cose ed ero molto, molto scortese con me stessa.
Penso che una delle cose più grandi che facevo, e che vedo fare anche a molti miei clienti, sia semplicemente ignorare completamente le tue esigenze, e io ignoravo sempre le mie esigenze. Ora mi chiedo 'questo mi nutre?' Nutrimento è stata la mia parola chiave per molto tempo, quindi quando faccio qualcosa o decido se voglio realizzare un progetto o dire sì a qualcosa, mi chiedo sempre 'È nutriente? ' Ad esempio, anche il mio utilizzo del telefono, mi chiedo... è nutriente?

Sono davvero consapevole delle mie azioni e di quanto siano gentili, sia verso me stesso che verso il pianeta. È così spaventoso leggere della crisi climatica, in generale è terrificante. Quali passi posso compiere per essere più gentile? Quali passi posso intraprendere per restituire qualcosa alla terra? Piuttosto che limitarsi a prendere.

Q7- Puoi descrivere il tuo percorso personale con il tuo ciclo mestruale e come si interseca con la tua vita quotidiana.

Ero così entusiasta di avere il ciclo quando ero più giovane perché desideravo disperatamente invecchiare. E poi quando l'ho ricevuto ho pensato 'wow, fa schifo!' E poi molto presto, come tanti adolescenti, ho preso la pillola, quindi per molto tempo non ho avuto un vero ciclo mestruale. Ho avuto una serie di sintomi non così divertenti durante la pillola, ma erano tutti coperti dal consumo di alcol.
Quando ho interrotto il controllo delle nascite quasi 10 anni fa, sono diventato molto più in sintonia con il mio corpo. E poi, quando sono diventato sobrio, il mio rapporto con il ciclo è stato completamente diverso.
Penso che man mano che invecchio anch'io sento meno un inconveniente e più un "wow guarda il mio corpo".

Q8- In che modo la tua comprensione della tua esperienza mestruale ha influenzato la tua prospettiva sulle mestruazioni in un contesto più ampio?

Meno le persone si vergognano di parlare del ciclo e del ciclo mestruale, meglio è, perché in realtà che male c'è se ne parliamo? Educhiamo, impariamo e cresciamo -
tutto il suono di cui avevo bisogno. Lo storytelling è lo strumento migliore che abbiamo perché cambia le prospettive delle persone, e se cambiamo le prospettive delle persone facendole pensare che questo è importante e anche questo è normale e non è vergognoso, allora il cambiamento può avvenire.

Intervista condotta da Sarah Hazeldene - Responsabile della comunità presso snuggs, con Vickie Biggs - Guaritrice intuitiva - Reiki, aromaterapia e lavoro sul corpo.
fondatore di "The Dream Of".